Notizia del 24/04/2014

Superando.It - Giustizia E' Fatta Per Le Persone Con Vera Disabilita'!

E ancora, il TAR ha appurato che è mancata la tutela alle persone con disabilità intellettiva e/o relazionale: infatti, mentre i medici nominati dall’ANFFAS erano presenti nelle Commissioni ASL, essi erano esclusi dalle verifiche straordinarie dell’INPS, lasciando pertanto prive di specifica tutela le persone con questi tipi di disabilità.

«Ma non è tutto – si legge ancora nella nota di ANFFAS e FISH -, dal 2012, infatti, l’INPS ha incluso nelle verifiche straordinarie non solo le condizioni di invalidità, ma anche quelle di handicap (come da Legge 104/92), senza averne una copertura normativa, giunta solo alla fine del 2012. Anche in questo caso, quindi, il TAR del Lazio ha riconosciuto le doglianze sollevate dalle nostre organizzazioni e ha pienamente chiarito che si sono usate, almeno fino al 2013, le visite di verifica straordinaria per degli scopi che la norma statale non riconosceva: eliminare cioè certificazioni per lo stato di handicap, che erano e sono cosa ben diversa da quelle per riconoscere l’invalidità civile e le relative provvidenze economiche».
Un ulteriore, importante chiarimento, infine, seppure non accolto con la Sentenza di cui si parla, è stato quello relativo al riconoscimento dell’efficacia del Decreto Ministeriale del 2 agosto 2007 (Individuazione delle patologie rispetto alle quali sono escluse visite di controllo sulla permanenza dello stato invalidante), che aveva fissato l’esenzione da visite di revisione o verifiche straordinarie in caso di patologie «stabilizzate o ingravescenti», principio che nel corso degli anni successivi al ricorso e proprio per impulso di questo, sembra in via di progressiva acquisizione da parte dell’INPS.

Al momento sono in corso attenti approfondimenti, sempre da parte di FISH e ANFFAS, sulle ricadute dirette per le persone con disabilità che si sono viste revocare le provvidenze economiche in forza di quelle disposizioni amministrative dichiarate ora illegittime.
«Si tratta quindi di una Sentenza fondamentale – conclude il comunicato delle due organizzazioni – perché mette in discussione le modalità delle verifiche già realizzate, mettendo al tempo stesso in dubbio anche quelle successive al 2012. Il nostro interesse non è certo quello di contrastare l’individuazione dei “falsi invalidi”, ma di fare in modo che siano rispettati i diritti fondamentali delle vere persone con disabilità e che i controlli siano condotti con le opportune garanzie, in modo efficace e mirato, evitando inutili disagi e vessazioni. Per questo ci auguriamo e richiedono con forza che Governo e Parlamento chiariscano e riformino non solo il piano di verifica sugli accertamenti, ma anche l’intero sistema di accertamento di invalidità civile, stato di handicap e disabilità che risulta ormai obsoleto, farraginoso e inefficiente. Tale riforma, del resto, è prevista nello stesso Programma d’Azione Biennale per la Promozione dei Diritti e l’Integrazione delle Persone con Disabilità che il Governo si è impegnato a mettere in atto per garantire il rispetto dei diritti umani delle persone con disabilità». (S.B.)