Notizia del 29/01/2009

Bresciaoggi - L'Iniziativa: Broletto E Unione Ciechi Insieme

“Libri parlati disponibili nelle biblioteche”

E’ sufficiente fare l’ordine e il materiale sarà portato nel giro di pochi giorni anche a domicilio.

D’ora in poi tutti i disabili visivi della Provincia potranno attingere comodamente all’archivio di audiolibri della Nastroteca F.lli Milani.
Grazie ad un accordo biennale siglato ieri tra l’assessore alle attività e beni culturali Riccardo Minini e il presidente dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti sezione di Brescia Claudio Romano, ogni biblioteca presente nella rete bibliotecaria fungerà da sportello per procurarsi i cosiddetti “libri parlati”. Basterà che gli utenti facciano richiesta e, nel giro di pochi giorni, potranno ricevere il supporto magnetico presso la biblioteca del loro comune o direttamente al proprio domicilio. “Non sono solo gli utenti ciechi ad avere bisogno degli audio libri, ma anche anziani, disabili gravi, dislessici, ospedalizzati – ha spiegato Romano -: il servizio è di grandissima utilità e stimola la diffusione della letteratura”. “La convenzione ha carattere sociale e culturale – ha dichiarato l’assessore Minini – a garanzia di un più vasto utilizzo da parte di un numero sempre più vasto di utenti”.
Il servizio della Nastroteca di via Divisione Tridentina 54 è uno dei 13 centri di distribuzione in Italia e da 35 anni registra e distribuisce libri in tutto il mondo su cd o scaricabili on-line. La lettura dei volumi, oggi più di 12 mila, è suddivisa in due categorie: i classici e i best-seller sono letti da professionisti, mentre i testi su richiesta sono affidati alla lettura di volontari. Chi volesse proporsi può telefonare allo 0302209413.
La convenzione siglata ieri va ad aggiungersi all’ultima novità della nastroteca, che oggi prevede la riproduzione dei libri su formati mp3 e daisy, consentendo agli ascoltatori di utilizzare dei “segnalibri” per non dover ogni volta ricercare i brani lasciati in sospeso.
Nel 2008 il servizio della “banca del libro parlato on line”, che permette di scaricare via internet sul proprio pc le opere in questi due formati, ha consentito a 811 utenti di 92 diverse province italiane di fruire di oltre 17mila opere.