Notizia del 09/10/2011

Giornale Di Brescia - Uici: Per I Bimbi Ipovedenti C'Ã&Uml; 'Intervento Precoce'

nL’Uici, Unione italiana ciechi e ipovedenti della provincia, l’IRiFor,
Istituto per la ricerca la formazione e la riabilitazione della Lombardia
e l’associazione «Nati per vivere» hanno presentato l’edizione 2011-2012
del progetto «Intervento precoce», che si rivolge alle famiglie dei
piccoli fino ai sei anni con seri problemi di vista, offrendo loro una
serie di terapie riabilitative personalizzate. Il progetto rappresenta -
unico in Italia - un incontro tra le famiglie e gli operatori
specializzati nel campo della riabilitazione, che supera le stimolazioni
visive, per spaziare al gioco, all’autonomia, alla fisioterapia
specialistica, alla musicoterapia. «Il progetto, nato nel 2004, vede
quale partner l’IRiFor Lombardia dal 2006 - ha affermato il suo
presidente Nicola Stilla - ed è passato dai 5 piccoli assistiti nel primo
anno ai 48 del 2010, provenienti da buona parte del nord Italia e le
richieste di accesso sono in aumento, al pari dei costi, passati dai 15
ai 150mila euro annui. Recenti provvedimenti governativi hanno bloccato i
finanziamenti e se l’operatività può continuare - ha sottolineato Stilla
- lo si deve a 31 famiglie che si sono autotassate per 1050 euro
ciascuna, confidando in un rapido sblocco dei fondi». «Abbiamo dato vita
al progetto in quanto se ne sentiva la necessità - ha evidenziato la
presidente di "Nati per vivere" Flora Di Flora - per far fronte ad alcune
carenze del pubblico e l’autofinanziamento deriva dai riscontri delle
famiglie in ordine ai risultati perseguiti». «Abbiamo affiancato l’idea
ristrutturando alcuni locali per metterli a disposizione del team
multidisciplinare di supporto, coordinato da Simona Rocca», ha aggiunto
la presidente Uici provinciale Sandra Inverardi, mentre Claudio Romano,
della direzione nazionale Uici, ha auspicato «di riuscire a vedere un
interessamento del Servizio sanitario nazionale». armo