Vai al contenuto principale della pagina

Contenuto della pagina

Giornale di Brescia - GRATITUDINE - Il valore sociale dei volontari dell'Unione Ciechi

Le chiedo cortesemente ospitalità  nella rubrica delle lettere per ringraziare pubblicamente i volontari della Sezione bresciana dell'Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti (Uici) e nel contempo far conoscere ai lettori del GdB, il valore sociale del loro generoso impegno.
Già  perché grazie alla sensibilità  e alla competenza di questi amici che quando ho la necessità  di recarmi a Milano per assolvere al mio ruolo di consigliere regionale dell'Uici (fino ad un paio di anni fa a Roma quando ero dirigente nazionale), quando dovessi «sbrigare» alcune pratiche private di carattere amministrativo in qualche ufficio pubblico della nostra città  ed ancora se avessi bisogno di far leggere e registrare in formato audio su cd un libro di mio personale interesse, posso contare sulla loro disponibilità .
Si tratta di due preziosi e distinti servizi: quello per gli accompagnamenti e quello per la lettura di testi diversi (scolastici e non) che la Sezione dell'Uici organizza ed offre ai ciechi e agli ipovedenti bresciani per rendere loro un po' meno complicata e faticosa la vita.
In conclusione, vorrei riferire qui una considerazione che ripeto spesso ai miei colleghi consiglieri regionali delle altre sezioni Uici della Lombardia: Brescia è una città  che si caratterizza per la concretezza del suo operare e nello stesso tempo una città  che si distingue per perseguire con coerenza i valori della solidarietà e del bene comune; valori che sono radicati in essa e fanno parte del dna dei cittadini e delle istituzioni bresciane. //
Claudio Romano
Consigliere regionale lombardo Uici - Brescia